04 agosto 2016

Video e foto a 360 gradi: come, dove e perché

Tutto quello che c’è da sapere per iniziare a pubblicare foto e video a 360 gradi su Facebook e YouTube

Qualche mese fa abbiamo parlato dell’allora novità implementata da Facebook relativa ai video a 360°. In questo breve lasso di tempo, dalla sperimentazione si è passati all’uso sempre più massiccio di questa tecnica per video, foto e pubblicità. E ammettilo, i video e le foto a 360° ti fanno impazzire. Ti capiamo, tanto che anche noi ci siamo divertiti nella splendida cornice della Riviera del Conero scattando questa foto a 360 gradi. Cosa? Non l’hai ancora vista? Clicca qui!

Tutto bellissimo, ma se sei qui ti starai ponendo una domanda: come si realizza un video o una foto a 360 gradi? (Tranquillo, non devi girare su te stesso come un folle ed è tutto molto più semplice, più o meno).

Cosa serve?
Innanzitutto avrai bisogno di una speciale videocamera che permetta, appunto, di riprendere l’ambiente circostante nella sua interezza, quindi da nord a sud e da est a ovest. In commercio ce ne sono ormai parecchie, ma una delle prime case ad aver sviluppato questa tecnologia è la Kodak con, tanto per citarne una, la Pixpro SP 360. Il claim di Kodak per il lancio di questa videocamera? “Se il mondo in cui viviamo non è piatto, perché i nostri video dovrebbero esserlo?” Touché, Kodak. Ad aver riscosso molto successo anche la Giroptic 360° Experience (montabile anche sui bulbi delle tradizionali lampadine casalinghe), la Samsung Gear 360 (qui il nostro tutorial su come utilizzarla anche con l'iPhone), ma potremmo andare avanti a lungo. Non pensate che il costo di questi gioiellini sia proibitivo, perché navigando un po’ in rete si possono trovare valide videocamere 360° a meno di 400 euro.

Come si registra?
Una volta acquistata una videocamera a 360°, basterà scatenare la fantasia (e armarsi di una strumentazione idonea come ad esempio un treppiede). Scelta la location ideale, non bisogna fare altro che iniziare a registrare come si farebbe con una tradizionale videocamera, evitando quindi scossoni, cambi bruschi di direzione o zone troppo buie. Fatto questo, correte a casa e mettetevi al computer.

Pubblicare un video a 360° su Facebook o YouTube
La prima cosa da fare è scaricare il video o la foto sul computer, per passare poi all’operazione di processing. Un particolare software, in base anche alla videocamera acquistata, vi permetterà – detto in parole povere – di congiungere i due video (o le due foto) in un’immagine unica. Questo perché le videocamere in commercio hanno due obiettivi che inquadrano 180° gradi ciascuno (alcune videocamere anche leggermente meno di 180°). Per questo, la qualità di una videocamera non va giudicata solo per la qualità delle immagini, ma anche per la capacità di rendere il meno visibile possibile il “punto di fusione” delle due inquadrature. Con particolari software di foto e video editing, è possibile ovviamente regolare luci e colori del video o della foto a 360°, dopodiché siamo pronti per la pubblicazione.

Su Facebook il procedimento è analogo alla pubblicazione di video o foto tradizionali, ma bisogna tenere a mente che i video a 360° possono avere una durata massima di 10 minuti e una dimensione massima di 1,75 GB. Tutti i dettagli qui sulla pagina ufficiale.

Lo stesso vale per YouTube: il procedimento per caricare un video a 360° non prevede infatti grandi novità rispetto al caricamento tradizionale e qui Google spiega dettagliatamente il procedimento.

Sia per il caricamento su YouTube che Facebook, però, c’è solo un particolare aspetto da valutare: i metadati. Se il video è stato registrato con una videocamera a 360° che aggiunge automaticamente i metadati per la riproduzione a 360 gradi, allora non occorrerà fare nulla. Se invece la videocamera non aggiunge automaticamente i metadati, questa procedura va fatta manualmente. Bisognerà dunque scaricare un’app come 360 Video Metadata, elaborare il filmato e salvarlo nuovamente. Nulla di particolarmente difficile.

Tutto qui. Ora puoi cimentarti in questo rivoluzionario mondo, ma se al momento non hai in programma l’acquisto di una videocamera a 360°, puoi sempre provare l’applicazione Splash (per iPhone) o la più tradizionale Google Fotocamera (per Android) o ancora Panorama 360, Photo 360°, Sphere… Applicazioni che sfruttano la tecnologia panorama per creare foto e video – più o meno – a 360° caricabili su Facebook. Ah, occhio, se decidi di farti un selfie con una di queste app, l’hashtag da utilizzare è #roundie.
 

di Alessio Ritucci

COPY & SEO SPECIALIST

04 agosto 2016
Condividilo
Rimani aggiornato