7 luglio 2016

Quando un'app può salvarti la vita

La Cartella Clinica attivabile su iPhone è uno strumento utilissimo che però non tutti conoscono

Tra le migliaia di app che riempiono la memoria dei nostri iPhone ce n'è una che speriamo di non dover mai utilizzare. Parliamo della Cartella Clinica, una funzione utilissima presente nell'applicazione Salute di iOS. Perché ci sembra così importante? Perché praticamente tutti abbiamo sul telefono un codice di sblocco utile a proteggere i nostri dati, ma cosa succede se in una situazione di emergenza un soccorritore ha bisogno di qualche informazione utile nell'immediato, o più semplicemente deve contattare qualcuno per informarlo sulle nostre condizioni di salute? 

L'attivazione è semplicissima. Basta aprire l'applicazione Salute, selezionare la schermata relativa alla Cartella Clinica e inserire i propri dati. Oltre a nome, cognome ed età, possiamo aggiungere alcuni numeri di telefono da contattare in caso di emergenza (con il relativo rapporto, ad esempio partner o madre), il gruppo sanguigno, altezza, peso e la volontà di donare organi. Possiamo inoltre inserire informazioni mediche, condizioni cliniche particolari, allergie o reazioni allergiche, farmaci che stiamo assumendo ed eventuali note mediche aggiuntive. Una volta inserite tutte le informazioni, attivare la funzione "mostra quando bloccato".
A questo punto la nostra Cartella Clinica è accessibile da chiunque nel seguente modo: dalla schermata di sblocco, invece di inserire il codice, cliccare in basso su Emergenza (si aprirà lil tastierino numerico per chiamare un numero di emergenza) e successivamente su Cartella Clinica.
Fine. Semplice e veloce.

Molto spesso -anche in queste pagine- raccontiamo quanto per il nostro lavoro o per la nostra vita di tutti i giorni sia importante e utile un uso consapevole della tecnologia e del mondo digitale, provando sempre a stare al passo con i tempi. In questo caso, attraverso la tecnologia, siamo direttamente noi a poter fare qualcosa di utile per noi stessi, mettendo in condizione le persone che ci stanno aiutando di poter operare al meglio. Si potrebbe poi aprire il capitolo legato alla "validità" delle informazioni o alla responsabilità derivante da azioni compiute a seguito delle informazioni che inseriamo nel nostro iPhone, ma questa è una questione che ci piacerebbe approfondire con medici, infermieri e soccorritori (che invitiamo quindi a commentare).

Tutti questi ragionamenti sulle situazioni di emergenza vi hanno messo ansia e non sapete più quale ferro toccare? Mettiamola così: se perdo il mio iPhone e qualcuno (che non ha intenzione di rubarmelo) vuole riconsegnarmelo, dalla cartella clinica può accedere ad alcune informazioni (nello specifico il mio nome e cognome e alcuni numeri da poter chiamare) che semplificano decisamente la questione. Meglio, eh?
 

di Federico Cerioni

WEB STRATEGIST & PROJECT MANAGER

7 luglio 2016
Condividilo
Rimani aggiornato